October 31, 2007

カプリ島。Capri. Nel blu, dipinto di blu.


Un'intensa sfumatura dal blu al verde accompagna fino alle porte di quest'Isola, maestosamente incastonata nel Golfo di Napoli.
Attraverso i finestrini dell'aliscafo, pennellate di colore e riflessi abbaglianti. E insieme all'intensità del mare arriva anche il suo inebriante profumo, delicato ma intenso.

In questo magico luogo si ritirò l'imperatore Tiberio, dal quale governò l'Impero Romano per oltre 11 anni. Famose le sue passeggiate solitarie lungo il belvedere della sua Villa Jovis (Villa di Giove), costruita a picco sul mare e affacciata sui due Golfi di Napoli e Salerno.

Capri è da sempre una meta ambita da turisti di tutto il mondo, che brulicano affacendati tra le stradine bianche; arrivano assonnati la mattina e ripartono al tramonto.
Lo scorso maggio, però, grazie al desiderio delle mie amiche giapponesi in breve vacanza in Italia, mi sono concessa tre giorni di relax tra giardini fioriti e vetrine lussuose, passeggiando con calma e gustandomi gli angoli più sorprendenti di questa incantevole Isola.
Spesso distratta dalle domande di chi mi ha scambiata per una guida turistica, oppure da un raggio di sole dispettoso, ma anche dal profumo del forno Buonocore che da anni è per me una tappa fissa sulla strada dei Faraglioni.

Indimenticabili gli scorci di blu e il tramonto da Villa Damecuta, i discorsi tra i gabbiani giù al molo per la Grotta Azzurra e i gatti affamati di sashimi freschissimo (gentilmente elargito da paciosi pescatori). Non siamo riuscite a visitare la famosa Grotta per via delle onde, ma questo ci ha consentito di dedicarci a luoghi che altrimenti avremmo lasciato in secondo piano.

Vorrei spendere due parole in favore della gentilezza e pazienza delle persone che risiedono e lavorano a Capri.
Assaliti da turisti più o meno indisciplinati e chiassosi, costretti ad avere cento occhi e spesso distrutti da giornate di lavoro estenuanti, gli abitanti di Capri hanno sempre il sorriso e una innata predisposizione ad accogliere gli ospiti, cosa che rende quest'Isola ancora più preziosa.
I maschietti, poi, sanno sfoggiare una galanteria davvero d'altri tempi, cedendoti il passo o semplicemente aprendoti la porta con un accennato inchino.

A Capri si lascia una parte di sè, in cambio di un ricordo dal blu intenso e un gran desiderio di tornare. Che spero davvero di soddisfare al più presto.

October 25, 2007

我した島サルディーニャ。


海の青さに空の青
南の風に緑葉の
芭蕉は情に手を招く
常夏の国我した島サルディーニャ。

Abbiamo la testa dura, ci piace bere e cantare e lavoriamo come muli. Siamo chiusi, diffidenti, con proprie regole sociali e codici di rispetto che si perdono nella notte dei tempi. Eppure la nostra ospitalità è famosa in tutto il mondo, e siamo pronti ad aprire il cuore a chi ci dimostra di meritare la nostra fiducia.
Queste parole potrebbero essere pronunciate indistintamente da un sardo o da un giapponese.
Tutte coincidenze, probabilmente. Come il fatto che da secoli adoriamo l'anguilla arrosto e consumiamo tonno crudo, scrutiamo l'orizzonte nel timore di un nuovo invasore e non siamo mai d'accordo tra noi.
Ma sulla musica no, non si discute. Qui non si tratta di coincidenze. Non so nè quando nè come, ma credo che un filo invisibile e leggero abbia legato le nostre isole e diffuso la stessa malinconia, lo stesso amore sviscerato per quelle rocce a picco sul mare e fatto vibrare le nostre voci sopra le corde di uno strumento.
Questa è la netta sensazione che provo quando ascolto una cover dei Begin oppure una sonata di Talloru. Alcune rievocano in me il calore del fuoco, altre la luce accecante del mare di maggio.
皆さん、ご感想をお願いします。

October 24, 2007

Piccole grandi passioni.


皆さん、ご存知ですか。和倉が好きなオリジナル趣味の中で、あまり特別のないはもう一つあります。料理を作ることです。
一般的に、一人暮らしをしている人達は時間がなくて、料理を作ることが面倒くさいだと思っているかもしれません。私も、会社で勤めた時に、自分で作った料理をなかなか食べませんでした。また、最後まで寝たかったので、何回も朝食を食べずにうちを出ました。私の毎日は忙しいですが、最近に御飯をちゃんと食べるようにしようと思っています。
それで、今回あまり難しくない料理を紹介してもよろしいでしょうか。
焼き魚は5分で作ります。何か好きなソースを使ってください。和倉はお醤油が大好きです。アヴォカードサラダと好きな果物を組み合わせて、素敵な料理になります^^
できれば、きれいな食器を使ってください。和倉が使ったのは世界中有名なデルータのイル・コルティーレ・デグリ・アルティスティの食器です。

Tra i miei hobby più o meno originali (leggere libri cyberpunk, pittura Sumi, canto tradizionale di Okinawa, origami, ecc.) ce n'è uno banalissimo: cucinare ^^

In genere, le persone che vivono da sole sono sempre un po' pigre dal punto di vista culinario, e lo ero anche io fino a qualche anno fa. Lavoravo tutto il giorno fuori casa e non avevo mai tempo di fare la spesa. Inoltre, per dormire qualche minuto in più spesso rinunciavo alla colazione, per poi ritrovarmi alle 10 del mattino affamata e disperata :) A pranzo andavo sempre fuori e, spesso, la sera prendevo un take-away per non mettermi a trafficare tra i fornelli... Insomma, niente di più sbagliato!
La mia vita quotidiana continua ad essere molto impegnata e a volte un po' caotica, ma nel tempo ho cercato di correggere le mie abitudini alimentari, soprattutto dal punto di vista della "regolarità". Difficilmente esco di casa senza fare colazione - a meno che non debba prendere un aereo alle 6 del mattino - e cerco sempre di pranzare alla stessa ora con cibi leggeri e sostanziosi... altrimenti dopo pranzo mi addormento sopra la tastiera, magari sulla lettera zzzzzzzzzz.... :D Detto ciò, da oggi provo a proporvi dei piatti semplici e veloci da preparare con le vostre manine.
Sono una grande amante del pesce, perciò inizierei con il trancio di salmone in salsa di soia. Niente di più facile! Il salmone è un pesce abbastanza grasso, perciò non avrete bisogno di usare l'olio. Munitevi giusto di una pentola antiaderente e di salsa di soia. La cottura è a vostra discrezione; io in genere lo scotto bene fuori senza cuocerlo troppo dentro. Decoratelo con un po' di erba cipollina, accostatelo ad un'insalata mista (nella foto iceberg + avocado a cubetti), un po' di frutta e il gioco è fatto.
Siccome anche l'occhio vuole la sua parte, cercate di non usare piatti tristi e dalle forme banali. Io mi vizio con le ceramiche del Giardino degli Artisti di Deruta, famosissime in tutto il mondo per la qualità della terracotta e le deliziose decorazioni artistiche.
Si accettano variazioni sul tema e suggerimenti culinari ^^

October 20, 2007

Un ponte virtuale tra Giappone e Italia.



Nato per gioco un anno fa, oggi Youkoso Italia è il blog più cliccato dagli appassionati di Giappone.
Gianluca e Kanako hanno iniziato a scrivere il loro blog in aiuto alle numerose richieste di amici - italiani da una parte e giapponesi dall'altra, desiderosi di notizie e curiosità sui reciproci Paesi. Da un semplice atto di gentilezza e collaborazione, è nato un vero e proprio Social Networking, grazie al quale anche la sottoscritta è venuta a conoscenza di eventi interessanti e curiosità imperdibili. Sfogliando tra le pagine del loro blog potete trovare veramente di tutto: tecnologia e robot, storia e tradizione, modelle e programmi TV, arti marziali, anime e manga, libri e musica, insomma ce n'è per tutti i palati.
Da segnalare la sezione Itaria Nippon Ringu, spazio dedicato alle coppie italo-giapponesi, che hanno la possibilità di postare la loro foto e presentare il proprio blog.
Gianluca e Kanako portano avanti il loro blog con passione e generosità, con l'intento di condividere il loro mondo con chi è in grado di apprezzarlo e senza nessuna competizione. Già intervistati su RadioDue e recensiti da Fastweb, saranno presto in diretta su RossoAlice. Io non me li perderò! ^^ www.youkosoitalia.net

October 14, 2007

柔らかい色彩の季節。La stagione dai dolci colori.


Qualche nuvola sfilacciata sul cielo turchino, i miei passi leggeri su un tappeto di foglie dorate, i primi raffreddori. Questo è l'autunno nei miei ricordi di bambina, saldamente legato al tanto odiato ritorno a scuola e al rincuorante profumo delle castagne arrosto.
Ricevere in dono questi dolci tipici di Kyoto mi ha fatto ritornare indietro nel tempo, a quando giocavo ad accostare i pennarelli per ottenere in me una precisa sensazione. Quella che mi si conficcava nel cuore selezionando i toni della terra e delle foglie cadute, accostando l'arancio dei miei frutti autunnali preferiti - i kaki - e quel tocco di verde, ultimo tentativo della natura prima di soccombere al gelo invernale.
Nel delizioso vassoietto di bambù intrecciato ho trovato 12 dolcetti e un riccio di castagna decorativo. Questi raffinati dolcetti realizzati accuratamente a mano sono perfetti come regalo anche nelle occasioni più importanti. Confesso di averli quasi sterminati, ma ho lasciato per ultimi i miei due preferiti: la castagna e il kaki :D Il massimo è gustarli con una tazza di tè verde, in una domenica pomeriggio di chiacchiere spensierate, lontano dai rumori della città.

October 07, 2007

Antonio Marras. Le créateur.



Vedere il suo ritratto sul sito della mia maison preferita è sempre un'emozione.
Antonio Marras è nato e cresciuto ad Alghero, tra scampoli di stoffa e simboli grafici che si perdono nella notte dei tempi: quelli del nostro artigianato.
La sua arte proviene da un mondo poetico e fluttuante, dove il pensiero si trasforma in colore e forma e il confine tra sogno è realtà si annulla.
Dal 2003 è le créateur per la maison Kenzo. Inizialmente contattato per una semplice linea di borse, grazie alla sua generosità creativa l'atelier ha spalancato occhi e porte. E proprio in questi giorni si parla ancora di lui, a proposito della collezione primavera/estate 2008 presentata a Parigi "in un contesto del tutto particolare: fiori, liane, alberi ed echi di vita selvaggia. Marras ("uomo prestato alla moda, anziché stilista", come ama definirsi) dal 2003, oltre a fare il disegnatore, è direttore creativo del marchio rilevato dal gruppo francese Lvmh. Uno sardo e l'altro giapponese, i due artisti isolani sono accomunati anche dalla passione per la tradizione: capi d'abbigliamento dalle stoffe colorate, arricchiti da pittoresche decorazioni floreali". La Repubblica.it

Related Posts with Thumbnails