March 16, 2011

Ubriaca e famosa.

Cammino incerta sbattendo un po' ovunque, tutta concentrata su quello strano doloretto che mi si è affossato ormai da giorni dentro al naso. Sono completamente ubriaca di terremoto.

Si balla per strada, sulle scale della metro, sul sofà, al supermercato; e la notte a letto è una vera tarantella.
Tutta concentrata nel mio precario equilibrio, ogni tanto faccio le cose al contrario, oppure dimentico di farle. Oppure di averle fatte.
Ma questo succedeva anche prima :)

Sicuramente non ricordo di aver mai ricevuto tutta questa attenzione mediatica.
Se escludiamo qualche comprensibilissimo link su blog "cugini" e un post riportato interamente su Udine20 (previa autorizzazione della sottoscritta), da dove arrivano tutti questi giornalisti (?) che vogliono addirittura intervistarmi?
Tra le tante email, voglio condividere con voi questa.

"Ciao claudia sono xxxx xxxxx, giornalista della xxxxxx xxxxxxx e collega di xxxxx xxxxxxxx. Sto raccogliendo i racconti degli italiani che hanno vissuto il terremoto in giappone. Puoi dirmi come stai, quanti anni hai, dove ti trovi e che lavoro fai? Sei di cagliari? È vero che c'è molta paura per le radiazioni? Grazie in anticipo, a presto!"


Caro giornalista che scrivi tutto basso, deprezzando le bellezze della nostra Lingua quali il maiuscolo e il minuscolo, la musicalità della punteggiatura, gli accapi. Lasciamo stare il mio umile nome, ma sostantivi come Giappone (Paese che mi ha accolta) e Cagliari (capoluogo della mia Regione e luogo natale di mio fratellino) non meriterebbero maggiore attenzione?

Non conosco il tuo collega, non l'ho nemmeno mai sentito nominare. Capisco che stai cercando di fare lo scoop del momento, ma la fretta e l'impersonalità con cui contatti una probabile futura e appetitosa terremotata traspira da ogni battitura.

Ciò che probabilmente mi disturba di più è il format da provino da Grande Fratello, mancano giusto altezza e peso (e orientamento sessuale, perché no).


Va bene, ti faccio fare lo scoop.

Sto bene, grazie. Vivo a casa mia con la luce elettrica, l'acqua calda, il gas.

Non ho perso nulla durante il terremoto, nemmeno il lavoro, presso il quale mi reco regolarmente nonostante i treni siano ridotti. Ma mi basta uscire di casa 20 minuti prima e fare un po' di fila.


Hai preso l'email dal mio blog, che sicuramente non hai nemmeno provato a leggere.

Altrimenti non mi chiederesti se sono di Cagliari.

Riguardo alle radiazioni si, c'è tanta paura e da anni. Mai sentito parlare di Radio Vaticana?


Scusate lo sfogo, ma è grazie allo sciacallaggio mediatico che si sta abbattendo sul Giappone se mia madre piange disperata immaginandomi avvolta in una nube tossica e ormai destinata a perdere denti e capelli.

E per il momento ho solo perso la pazienza.





33 comments:

  1. Ammiro la lucidita' con la quale esprimi quello che io ormai riesco a esprimere solo con il turpiloquio. Che possa calare in fretta il sipario su questa vicenda.

    ReplyDelete
  2. La cosa allucinante è che il 90% delle persone sembra essersi resa conto solo venerdì scorso che in Giappone ci sono delle centrali nucleari...e i giornali già parlano di apocalisse mentre da quel che leggo da te già si fa il possibile per tornare alla normalità.
    Te lo dico sinceramente, i tuoi post e quello del tuo fratellino sono tra le poche cose sincere e sentite che vale la pena leggere.
    In bocca al lupo per tutto
    Un saluto "cugina" ^__^

    ReplyDelete
  3. Oh zia Kazu mi raccomando quando diventerai super super famosa, fai in modo che il Dami-chan entri direttamente allo Zecchino d'Oro senza passare per le selezioni! Anticipatamente, sentitamente, ti ringrazio!
    ^_____-

    Santa pazienza!

    ReplyDelete
  4. Grande Kazu! Veramente un bel post.. fa riflettere!
    Grazie^_^

    ReplyDelete
  5. Grazie, Kazu
    l'atteggiamento e quello che sento dire, sta facendo saltare i nervi anche a me, che sono seduto al caldo in Italia

    ReplyDelete
  6. Ciao sono Emanuela di Oristano. Ti seguo da pochissimo, ti ho "scoperto" tramite il blog di Nicola, che seguo invece da un paio d'anni. Se posso vorrei condividere quanto hai scritto su Fb, perché pur non potendo ovviamente sapere come vanno le cose da voi provo un grosso schifo ogni volta che sento parlare del Giappone in tv. E mi pare che le tue parole rendano perfettamente l'idea a proposito.
    Comunque ti saluto e un grande grande in bocca al lupo per tutto! :)

    ReplyDelete
  7. sto rotolando dalle risate!
    Claudia santa subito :)
    Fuffa chan

    ReplyDelete
  8. Grande! Continua così per favore!
    (頑張って下さいねぇ~~~)

    ReplyDelete
  9. Ma che scusate e scusate! Meriteresti una medaglia.
    Qui in Italia non se può più del giornalismo da strapazzo. A sentir qui dovreste essere allo sbando, a correre per strada cercando di raggiungere lo Shikoku a piedi e ripulendo i supaa locali anche dei bulloni. A sentire te, molti altri italiani e soprattutto i numerosi e meravigliosi amici nipponici che non hanno smesso un attimo di mandarmi aggiornamenti la vita, almeno al di fuori delle zone più colpite cerca di andare avanti il più normalmente possibile in modo da accelerare la ripresa e il sentimento dominante mi pare la voglia di ricostruire il prima possibile, non certo l'isteria e lo sconforto che sembrano voler far passare qui.
    Grazie per questo blog, non ho mai commentato, ma lo seguo da un bel po' e mi piace davvero molto, insieme anche al blog di tuo marito per il quale nutro una sconfinata ammirazione non fosse per il fatto che io dopo 5 anni di scientifico non so più una parola di latino e lui potrebbe probabilmente chiedere informazioni stradali a Cicerone... ^^
    Un saluto a entrambi e un sorriso!
    Monica

    ReplyDelete
  10. Ciao, sono Beatrice, credo che si siamo incrociate sui commenti in qualche blog comune (Giappo Pazzie?).
    Condivido completamente il tuo stato d'animo, tanto più che io vivo a Kyoto, ben distante da tutto il casino.
    Linko questo post su fb...spero che qualcuno si dia una rilassata nel leggerlo! :)

    ReplyDelete
  11. Ieri il più famoso quotidiano italiano (quello milanese, per intenderci) ha spacciato un pizzetaro emigrato da quelle parti come "l'ultimo Italiano rimasto a Tokyo". Qualche ora dopo, evidentemente accortisi della fregnaccia fresca di spaccio, hanno corretto in un più contenuto "uno dei pochi Italiani rimasti a Tokyo"... ma come si fa...

    ReplyDelete
  12. Brava, brava, brava!
    Mille volte brava!!!
    La cronaca, meglio se "apocalittica", fa vendere bene,
    e soprattutto fa passare le altre notizie (leggasi vicissitudini di mister B.) in dodicesima pagina!
    Giornalisti???
    Ma nemmeno giornalai!!!
    Un abbraccio forte forte!

    ReplyDelete
  13. Ciao Claudia

    Sono Marco (Alghero-vacanze-appartamento), sono felice di capire che voi state tutti bene.
    Purtroppo le immagini che arrivano sono davvero impressionanti e mettono tristezza.

    Certo in Italia, radiazioni o no, sono ormai troppi coloro affetti da demenza irreversibile, i quali non perdono un’occasione per dimostrarlo.

    Se potessi essere utile per qualcosa....

    ReplyDelete
  14. Sorellona ben fatto. Anche io ho raggiunto una notorietà incredibile e ho fatto il record di visitatori unici in una giornata pur non essendoci stato lì. Questi giornalisti mi hanno preso all'anima. Domani appena ho tempo faccio un bel post a proposito di catastrofismo & CO. Beh comunque come terremotata non sei niente male, potresti fare pure un calendario :D

    ReplyDelete
  15. La mia insegnante di giapponese ha una sorella a Yokohama che, alla sua domanda giustamente preoccupata (visto il tenore delle notizie arrivate in Italia) ha risposto, con estrema calma e lucidità, "E dove dovrei andare? Con tutta la gente che vive a Tokyo, se dovessimo fuggire tutti...e poi, fuggire da cosa?".
    Che vergogna...meno male che ci sono i blogger come voi a tenerci un pò aggiornati...Grazie ancora!

    ReplyDelete
  16. Sono d'accordo con te che la giornalista avrebbe potuto tentare un approccio piu' gentile e piu' informato.
    Pero' non penserei che sia lo scoop che cercano: uno scoop e' ben altro, io mi immagino semplicemente una povera sfigata freelance che cerca di tirare su un articoletto per riuscire anche questo mese a campare.

    ReplyDelete
  17. Anonimo caro (o cara), io credo sia grave caricare "una povera freelance sfigata" del peso di fare informazione in questo modo.
    Stessa cosa pensai quando, appena laureata, mi ammollarono un'intera campagna stampa che chiaramente non fui in grado di gestire. L'azienda perse 5 milioni di lire di allora in ristampa, e io fui licenziata.
    Più che l'approccio, davvero mi ha sconvolto il format che mi è stato presentato. E credo che la colpa non sia tanto della giornalista, ma di chi l'ha formata in questo modo.
    Tra l'altro provo un sincero dolore a inveire in questo modo contro una conterranea, ma proprio dalla mia Sardegna questa cosa non me l'aspettavo.
    Diamoci una svegliata ragazzi, e riportiamo la nostra Isola allo splendore che i nostri genitori realizzarono con tanta umiltà e coraggio.

    ReplyDelete
  18. Grazie per riportare queste tue esperienze, mi sono permesso di citarle nel mio blog.
    Un peccato però che tu sia ritornata ad usare il blog in così spiacevoli conseguenze.
    Sui giornalisti italiani ormai non so più che dire sembrano più interessati a fare scalpore che a riportare fedelmente quello che accade.
    Spero che la situazione in Giappone si stabilizzi perché ho degli amici lì a Tokyo.
    Forza e coraggio!
    Oyasumi

    ReplyDelete
  19. lo sciacallaggio mediatico ed emotivo va molto di moda in italia :(
    !Arriba Japón!

    ReplyDelete
  20. Non so piu' cosa pensare Claudia; sono l'amica di Elisabetta con cui hai fatto una cena di gruppo al ristorante coreano nell'agosto 2009 (io ero con mio figlio): a proposito bella cena, bellissimo ricordo. Sono così subissata da immagini apocalittiche, da titoli speventosi che non faccio altro che chiedere a Elisabetta come state. Sono molto sollevata ma anche stupitissima perchè qui parlano di nubi radioattive in moto e noccioli che fondono.
    Che ti devo dire, se hai bisogno ci sono, ma visto che non hai bisogno aggiornaci perchè veramente non c'è da raccapezzarsi.

    ReplyDelete
  21. Grazie di cuore per tutti i commenti ricevuti, siete tantissimi sarà un lavoro rispondervi singolarmente :D
    SirDic:
    visto che si sono stufati presto? Accidenti a loro, ci ho impiegato due anni ad ammaestrare mamma a una telefonata a settimana... :)
    Welltall, Davide:
    ma siete già al FEFF? ^^
    Francy: il tuo principino non solo ha già passato le selezioni ma ha pure vinto... ihihihihi
    Paolo, Nicus:
    grazie a voi per il lavoro che fate con i vostri blog.
    Bertuccia, Rouage, Monica, Bear, Acilia:
    grazie mille per la solidarietà e tornate a trovarmi eh ^^
    Marco:
    ma ciaooo! grazie per il commento, non vedo l'ora di tornare ad Alghero, tienila bella splendente per me ;)
    Elichan:
    mi fai sempre sbellicare :D Appena riesco ti prenoto per una sessione live ihihi
    Manu Hikaru, Marco, Chechi, Marzia:
    siamo in tanti a dire la nostra sulla rete, per fortuna :)
    Fuffachan:
    come vanno le misurazioni nella Capitale? Tieniti a distanza dalle antenne di Radio Vaticana, mi raccomando. Se la situazione dovesse peggiorare vedrai che il governo Sardo ti farà rimpatriare subito ;)
    Fratellino:
    presto, vieni ad allestire il set :)
    Elena:
    come stai carissima? qui tutto bene come puoi leggere, teniamoci in contatto che mi fa piacere! Un bacione

    ReplyDelete
  22. Bello Udine20.it che accosta il tuo intervento alle profezie della Madonna di Auguera....

    arisio

    ReplyDelete
  23. Meglio tu che fai lo "spione" senza firmarti, vero anonimo? trattasi di tag e articoli correlati; mondo a te ignoto, spifferatore da quattro soldi.

    ReplyDelete
  24. Giustissimo quello che scrivi, e bravissima a rispondere così a certi sedicenti "giornalisti". Ma adesso disturberanno meno, perchè il nuovo argomento è Libia-Gheddafi.
    In questo periodo per avere notizie dal Giappone ho seguito principalmente i tuoi post e NHK world (che almeno mette gli aggiornamenti delle notizie in sucessione temporale, a differenza dei copia-incolla dei giornali italiani). POI ho letto quello che viene scritto da noi.
    Grazie per aver messo a disposizione il tuo talento attraverso quato bellissimo, interessante blog!!

    Auguri per tutto.
    Marco
    il_mio_zipangu@yahoo.com

    ReplyDelete
  25. Tu hai messo il link al sito; se ti fa piacere essere accostata a HAARP, 2012, Voyager, Mistero, Nibiru pensaci tu e' una tua scelta. Io ho solo espresso una opinione, non mi nascondo dietro nulla, semplicemente non ho account di alcun tipo su nessun social network.

    Armando/arisio Modena
    aoshi@iol.it

    ReplyDelete
  26. Armando (hai anche un bellissimo nome e potevi parteciparmelo subito suvvia), cosa trovi di così riprovevole sul Udine20? Io non sono stata accostata a nulla, semplicemente nei contenuti del sito ci sono anche notizie di altro genere che non riguardano la mia realtà ma per motivi tecnici spunto fuori negli articoli correlati. Non capisco il tuo ragionamento, sinceramente, se tutti dovessero pensarla come te per esempio la gente del mio condominio si sentirebbe offesa ad essere accostata a me, non trovi? Sono l'unica straniera del palazzo. :D

    ReplyDelete
  27. Gomen, la mail e': aoshi@libero.it.... rimango dell'idea che il sito pecca di superficialita', ma lungi da me cercare polemiche, vado a farmi l'ultimo nabemono di stagione, e' festa del papa' in Italia.....

    A.

    ReplyDelete
  28. Marco M:
    il Corriere ha già iniziato a scrivere idiozie a caratteri cubitali, tipo le ridicole minacce di Gheddafi sugli obiettivi a casaccio del Mediterraneo. Sarei rintracciabile dai caccia francesi persino io se mi mettessi a sparare da Tokyo con la fionda, figuriamoci i missili libici.
    Provo una grande pena per il popolo libico, tenuto nella più profonda ignoranza e ora pure martoriato dal suo amato dittatore.
    Grazie per i complimenti immeritati. Il mio blog non vuole fare informazione, semplicemente rassicurare egoisticamente le persone care in Italia.

    Armando:
    nonostante qui sia già primavera, forse ho convinto mio marito a spararci l'ultimo nabe di stagione :) PS. che ingredienti usi in Italia? Per il dashi ecc. Sono curiosa!

    ReplyDelete
  29. Io per il nabe ho un limite: lo prepara mia moglie, io sbafo e basta. Probabile surroghi con prodotti locali sebbene una capatina al negozio etnico di Bologna la facciamo mensilmente...

    A.

    ReplyDelete
  30. Ciao Claudia, sconosciuta che ti ha scovato perchè "collega" blogger filonipponica. Questo è il primo articolo che leggo perchè incuriosita dal tuo incipit. Scrivi molto bene! Brava! Sei stata fin troppo buona con quella giornalista...!!!

    ReplyDelete

ご感想お願いします。

Related Posts with Thumbnails